Le star e i loro pets
How to be a contemporary iconic woman in 2017
Stories

Il costume da bagno ieri e oggi

14 . 07 . 2017 di Redazione
Le star e i loro pets
How to be a contemporary iconic woman in 2017
Moschino

Intraprendere un viaggio sulla storia del costume da bagno è davvero interessante, in quanto è il capo che, in assoluto, ha risentito maggiormente dei cambiamenti della società, e per questo li rappresenta molto bene. È a partire dalla Belle Époque che comincia la sua evoluzione, anche se bisogna arrivare agli Anni 20 per vedere delle creazioni simili a quelle attuali. Verso la fine del decennio appaiono i primi one-piece che scoprono la schiena e perdono il gonnellino, accorciando gli shorts. La seconda rivoluzione avviene nel 1946, quando Louis Réard presenta al mondo il bikini, che desta grande scandalo. Saranno icone hollywoodiane come Marilyn Monroe e Brigitte Bardot nei favolosi Fifties a rendere questo capo un must have e a far si che si diffonda nel mondo.

Con l’arrivo degli Anni 60, l’ideale di bellezza femminile comincia a cambiare e la silhouette ‘burrosa’ della pin up lascia spazio a quella androgina di modelle come Twiggy. E così addio vita alta, il due pezzi si rimpicciolisce e diventa confortevole. Inizia a esplorare le stampe, come quella animalier e lavorazioni come il crochet. Gli Anni 70 sono quelli della libertà assoluta. Il bikini si fa ancora più micro e diventa a triangolo. In linea con lo stile boho chic del tempo, diventa di gran moda il caftano. Saranno gli Eighties, grazie alla mania per il fitness, a lanciare il trend sportivo al mare, proponendo costumi interi che ricordano il body, tutti estremamente sgambati.

Tornando a oggi, il trend athleisure resta ancora forte, come è evidente nel costume intero di Melissa Odabash con crop top incrociato e profili a contrasto. Ma le collezioni di costumi da bagno Primavera Estate 2017 restano principalmente ‘ancorate al passato’. Come il bikini firmato Dolce & Gabbana con bra a balconcino e slip e a vita alta in perfetto stile Anni ’50. Anche Missoni punta sui Fifties con slip che copre l’ombelico e stampa rétro. Torna a essere di grande tendenza anche il costume one-piece, in versione minimal come quello di Eres con scollo a V, o seducente come quello La Perla, cut-out. Ma i costumi sono anche funny, come dimostra Moschino portando in passerella divertenti trompe-l’oeil e buffi orsetti.

Related Stories