New

I grandi designer contemporanei al Design Supermarket di Rinascente

18 . 04 . 2018 di Redazione

Rifugio per i design-addicted, Design Supermarket di Rinascente è il luogo dove trovare le migliori soluzioni tra utilità ed estetica. I lunghi corridoi sono vie in cui perdersi alla scoperta dei talenti più quotati al mondo e delle loro magnetiche collezioni. Philippe Stark, Patricia Urquiola, Michele de Lucchi, Achille Castiglioni,  Vico Magistretti e Michael Anastassiades sono vere e proprie star del design che con le loro creazioni stabiliscono, anno dopo anno, nuovi codici stilistici e punti di riferimento per il panorama internazionale. Il modo più semplice per conoscerli e apprezzarli è immergersi nel mondo di Design Supermarket e lasciarsi ispirare.

 

 

Philippe Starck

È impossibile vi sia sfuggito il nome di Philippe Starck, parigino classe 49, designer fecondo (oltre diecimila progetti realizzati in 50 anni) e vincitore di importanti riconoscimenti quali il Grand Prix National de la Création industrielle e l’Honor Award dell’American Institute of Architects. Il suo approccio al design è puntuale e quasi filosofico, guidato dal principio “meno materiale, più intelligenza”: ogni progetto non può soddisfare unicamente il gusto estetico ma deve essere utile e funzionale, e con questa logica democratica Starck ha realizzato davvero di tutto, dagli spazzolini fino a una navicella spaziale. In Rinascente troverete un gustoso assaggio del suo universo, dalla sedia cult disegnata per KartellLouis Ghost, alla lampada Kartell Bourgie, classico esempio di come Starck fonde tradizione e contemporaneità con un tocco di ironia irresistibile. Immancabile anche il Juicy Salif, probabilmente l’oggetto più noto firmato dal designer: un ragno-spremi agrumi da sfoggiare anche come centrotavola.

Patricia Urquiola

Patricia Urquiola, nata a Oviedo nel 1961, è mente geniale del design contemporaneo formatasi in Spagna ma anche nel nostro Politecnico di Milano, dove si laurea nel 1989. Designer e architetto di fama internazionale, Urquiola ha aperto nel 2001 il suo studio a Milano e ha collaborato con rinomate aziende, tra cui Moroso, Molteni&C, B&B Italia, Rosenthal, Mutina e Alessi. Intuito, sensibilità e cultura sono la sua chiave di lettura del mondo, base delle sue creazioni, che nel Design Market sono rappresentate da due vasi Kartell, il Metalassé dalle forme trapuntate e il Jelly dalle geometrie bombate.

Michele de Lucchi

Michele de Lucchi è un architetto e un designer che fa del suo lavoro un’indagine antropologica. Dopo aver collaborato con Ettore Sottsass, che definisce suo maestro, de Lucchi lavora per famose aziende come Artemide, Olivetti, Enel, Poste Italiane per poi lanciarsi nella sperimentazione personale con Produzione Privata. Della natura degli oggetti (ma anche della natura stessa) apprezza e valorizza le fasi di evoluzione, l’anima in perenne cambiamento, che giustifica e rivendica anche i difetti. La sua Caffetteria Pulcina di Alessi dà anima e gioco ad uno degli utensili più amati dagli italiani, mentre la lampada Tolomeo di Artemide è un altro dei grandi classici del design che è possibile riscoprire in Rinascente.

Achille Castiglioni e Vico Magistretti

Continuando sulla scia dei designer italiani, Achille Castiglioni, architetto e designer nato a Milano nel 1918, è stato un visionario del design italiano, capace di intuire tendenze e necessità future influenzando profondamente le correnti degli anni a venire. La sua ricerca sulle forme è sempre stata profonda e costante, orientata verso la semplificazione e la plasticità della materia. Vincitore di nove Compassi d’Oro, le sue creazioni fanno parte delle collezioni di musei di tutto il mondo e una delle più affascinanti è sicuramente la lampada Arco di Flos disegnata insieme al fratello Pier Giacomo nel 1962. Arco è il primo oggetto di disegno industriale a essere stato trattato come opera d’arte, un’icona intramontabile del made in Italy da non perdere tra i must-have di Design Supermarket.

Negli stessi anni di Castiglioni operava a Milano un’altra delle grandi firme del design italiano, destinato a plasmarne la storia. Laureato anche lui al Politecnico di Milano, Vico Magistretti collabora con molte aziende ma sicuramente il rapporto più proficuo è quello con Artemide, per la quale elabora una riedizione della lampada-culto Dalù progettata nel 1969. Modernità e essenzialità sono alla base di questa sua creazione come in tutti i suoi progetti, dove funzionalità ed estetica convivono in armonica sintesi.

Michael Anastassiades - Flos - ICT1
Michael Anastassiades

La lampada a sospensione IC T1 di Michael Anastassiades per Flos rappresenta in modo esemplare l’essenza del designer di Cipro formatosi a Londra: perseguendo la sua idea di riduzionismo, una semplice lampada diventa lo scheletro della sua essenza, a cui è rimasto solo l’inevitabile, luce e appoggio. Questo affascinante oggetto di design unico nel suo genere è frutto della vocazione artistica di Anastassiades, i cui lavori sono esposti nelle collezioni permanenti del Moma e del V&A Museum così come negli showroom di Flos e Swarovski.

Se non potete già farne a meno, il Design Supermarket è aperto e visitabile sette giorni su sette!

Related Stories