Stampe: copia lo stile di Sofia Sanchez de Betak
Cannes 2019: i look più belli avvistati sul red carpet
Inspiration

Stella Maxwell Style File

15 . 05 . 2019 di Redazione
Stampe: copia lo stile di Sofia Sanchez de Betak
Cannes 2019: i look più belli avvistati sul red carpet

Stella Maxwell, classe 1990, è una delle nuove super top più amate del momento. Cresciuta a Bruxelles, dove il padre ha lavorato per le Nazioni Unite, si è poi trasferita in Australia e Nuova Zelanda, e infine in Irlanda del Nord, dove è stata scoperta da Victoria’s Secret.

Da lì le sue ali da Angelo l’hanno fatta volare sulle passerelle di mezzo mondo, da Chanel a Versace, da Balmain a Fendi, fino a Marc Jacobs e Tommy Hilfiger. È stata il volto (e il corpo) di brand globali come Roberto Cavalli e Jeremy Scott, ma anche di marchi più pop come Topshop, Urban Outfitters e H&M.

Nel 2016, l’anno del suo grande debutto come top model, il magazine Maxim l’ha messa in cima alla lista delle 100 donne più sexy del pianeta. Dalle copertine di Vogue, Elle, Glamour, Grazia il suo fisico statuario e il volto vagamente Sixties da novella Brigitte Bardot hanno fatto il giro del globo.

Nel tempo libero le piace restare nella comfort zone: in un’intervista a W Magazine ha raccontato di adorare i jeans della collezione Luxe Vintage di 7 for All Mankind assieme a una semplice T-shirt bianca. Le sue gambe chilometriche le permettono di passare con disinvoltura da un paio di Vans e leggings, allo stiletto con micro abito a sottoveste (o viceversa).

Il suo approccio Millennial allo stile è eclettico. Tra i suoi look più recenti ricordiamo il chiodo di pelle abbinato a un abito turchese da fatina, il mini abito a fiori che ha sfoggiato con anfibi e cinturone di cuoio al Coachella Festival, e l’abito da sirena Anni 20 stile Grande Gatsby firmato Versace, che ha indossato al party di Vanity Fair per la notte degli Oscar.

Il suo look più iconico è un inno all’overstatement low cost: un abito di perle H&M che ha indossato al Met Gala 2017, creato appositamente per lei in omaggio allo stile di Rei Kawakubo.

Related Stories