Editor’s Picks

Le città musicali nel mondo

12 . 07 . 2018 di Redazione

Le tanto agognate ferie di agosto sono vicine ed è già tutto pianificato. Una settimana a Santa, una a Ibiza per sentirsi eternamente giovani e un viaggio spirituale per ritrovare se stessi e il contatto con la natura dopo un anno trascorso davanti al computer. Tutto è perfettamente incastrato alla perfezione per ricaricarsi e godersi appieno il meritato riposo. Ma voi che siete appassionati di musica avete mai pensato di organizzare un viaggio all’insegna del vostro sound preferito?

Ecco una mini guida con i luoghi da non perdere.

Berlino: la techno e l’elettronica

Non lasciatevi scappare questa città. Se siete appassionati di musica elettronica e amate sperimentare, la capitale della Germania è il posto giusto per voi. La città moderna e di respiro internazionale ospita una miriade di club in cui perdersi all’insegna della musica elettronica contaminata da un’ondata minimal e dalla techno. È proprio qui che si trova il club più conosciuto ed esclusivo al mondo: il Berghain un vero e proprio tempio per gli appassionati di questo genere.

Vienna e la musica classica

La musica classica ha ancora uno zoccolo duro di appassionati e cultori in tutto il mondo e quale migliore meta di Vienna? La città resa capitale mondiale della musica classica grazie al dispotismo illuminato di Maria Teresa d’Austria, ospita oltre 15.000 concerti all’anno. Per gli appassionati Di Mozart, Hayden, Beethoven o Schubert è impossibile resistere. Non passa giorno in cui non ci sia in calendario un concerto. Tra i teatri da tenere d’occhio il Wiener Staatsoper e il Musikverein, ottimi per gli appassionati che oltre ad ascoltare musica di livello potranno visitare i maestosi palazzi imperiali.

Londra e Parigi per l’hip hop contaminato

Vale la pena prenotare un weekend in entrambe. Se il Louvre vi saprà accogliere con la sua magnificenza, Londra e il British Museum non saranno certo da meno. Due metropoli europee così differenti, Parigi più romantica e a misura d’uomo e Londra così dinamica e veloce, eppure accomunate da uno stesso genere musicale forte e di gran tendenza: l’hip hop. Che non accenna a tramontare ma si trasforma, con contaminazioni nuove. I place to be a Londra sono il The Jazz Caffè con performance rap dal vivo e hip hop dj nights. E per chi volesse misurarsi con il karaoke un salto al Queen of Hoxton è d’obbligo. Sarà la folla a decidere se avete la stoffa. E Parigi? La città ha addirittura un hip hop festival che si svolge nel mese di giugno.

La Jamaica e il reggae

Se siete tipi da sound relaxing, drink alla mano, spiagge e natura quasi incontaminata niente è più azzeccato della Giamaica. La patria del reggae, che ha dato i natali a Bob Marley, vi conquisterà con le sue spiagge caraibiche immerse nel mare dai colori verdeggianti. Qui la musica si può godere e ascoltare direttamente in spiaggia. Dove? Alla Bourbon Beach per ballare ascoltando musica live. Se invece visiterete l’isola a gennaio non fatevi scappare il Rebel Salute, la patria del ‘concerto reggae’.

La Colombia e la Cumbia

Se seguite le mode musicali di certo non vi sarete persi quello che sembra essere l’ultimo trend del momento: la cumbia. Questa musica ha un’origine popolare ed è accompagnata da una particolare danza colombiana. Se siete persone avventurose e appassionate di Sud America tenete d’occhio la Colombia e i suoi festival che ultimamente hanno varcato i confini nazionali giungendo a L.A. e a Parigi.

Related Stories