Editor’s Picks

I superfood da mangiare in inverno

10 . 01 . 2018 di Redazione

Mentre fuori tutto si ammanta di bianco e i contorni diventano sfumati per via del nevischio e della nebbia, la tavola invernale invece è un tripudio di colori, dall’arancione al rosso vivo: zucca, melograno, castagne… Tutti alimenti non solo belli a vedersi, ma che fanno anche molto bene alla salute, tanto da essere denominati superfood, proprio per la loro ricchezza di nutrienti. Oltre a fare la spesa, senza tralasciare nessuno dei prossimi cibi, provate a fare un giro anche da annex a Milano, presso Rinascente: qui troverete Ambrosiae, il brand che propone una gamma di prodotti alimentari creati con ingredienti nuovi, o meglio riscoperti, naturali, vegetali, biologici e gustosi. Correte a fare la spesa e… il pieno di benessere!

Castagne

Uno dei cibi più golosi, sia bollite che arrostite, sono povere di grassi, ma ricche di carboidrati. Miniera naturale di potassio, utile a rinforzare la struttura muscolare, e di vitamina C, ottima per prevenire e combattere i raffreddamenti, sono ricche di acidi fenolici, che aiutano a contrastare l’invecchiamento cellulare precoce, mentre il contenuto di cellulosa favorisce la regolarità intestinale.

Uva

L’uva contiene due sostanze ‘magiche’: i polifenoli, fondamentali nella lotta ai radicali liberi, e il resveratrolo, dalle forti proprietà antitumorali, antinfiammatorie e importante per la fluidificazione del sangue, presente però nella buccia degli acini.

Cachi

Questi bei frutti tondi e dolci sono ricchissimi di antiossidanti, di vitamina C e di carotenoidi, che proteggono la vista e la pelle dall’inquinamento e dai raggi UV. Infine, sono indicati nella dieta degli sportivi, in quanto fonte di potassio, minerale prezioso per non sentire la fatica durante l’attività fisica e per combattere i crampi muscolari.

Cavolfiore

I cavolfiori – e le crucifere in generale, quindi anche verze, cavoli cappuccio, cavolini di Bruxelles… – sono vegetali ricchi di minerali e vitamine, in particolare vitamina C. Studi scientifici hanno dimostrato l’efficacia delle sostanze in esso presenti nella prevenzione dell’insorgere di patologie tumorali. In inverno è consigliato consumarne in abbondanza, in quanto rinforza il sistema immunitario. Infine, la presenza di amminoacidi e di vitamina K contribuisce ad abbassare la pressione e a prevenire la comparsa dell’Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative.

Zucca

Ricca di zuccheri naturali, ma povera di calorie, la zucca è ricca di betacarotene, un importante antiossidante che aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare. Fonte di Omega-3, utili per abbassare la pressione, è l’alleato ideale anche per regolarizzare l’attività intestinale, grazie alla presenza di fibre.

Melograno

Il melograno è una fonte preziosa di antiossidanti, utilissimi nella lotta alla comparsa dei radicali liberi, quindi delle cellule tumorali. Ma il melograno è anche amico del cuore: infatti, ha proprietà anticoagulanti, inibendo il rischio di arteriosclerosi, e aiuta anche a ridurre il colesterolo LDL (quello cattivo), aumentando il colesterolo HDL (quello buono).

Frutta secca

In inverno la troviamo spesso a tavola, soprattutto alla fine dei pranzi festivi. Ricca di fibre, favorisce la motilità intestinale, contrastando l’assorbimento di colesterolo, mentre la presenza di zinco e di vitamine, la rendono una preziosa alleata di chi fa attività fisica, favorendo il reintegro veloce delle sostanze nutritive perse con la sudorazione. Bisogna però limitarsi nel consumo, soprattutto di quella oleosa, ricca di grassi. Idea per la spesa: a Roma nel nuovo store Rinascente di Via del Tritone, troverete un piccolo assortimento della marca Noberasco, con frutta secca e disidratata di ottima qualità.

Un post condiviso da Noberasco (@noberasco) in data:

Related Stories