City Guide

Hamburger Gourmet

16 . 09 . 2017 di Redazione

L’hamburger è giunto a noi dopo un luogo viaggio: la sua etimologia ci porta prima in Germania, ad Amburgo nel 1800, e poi negli Stati Uniti. Considerato un piatto semplice, oggi sta vivendo una vera e propria evoluzione. Gli chef li propongono, infatti, in versione ‘gourmet’, puntando sullo stile e sull’estetica oltre che su ingredienti di grande qualità. Ecco una raffinata selezione di ristoranti dove assaporare l’hamburger gourmet in tutta Italia, da nord a sud.

Perfetto in Rinascente, Padova
Perfetto in Rinascente, Roma e Padova

Quando la location è il department store migliore del mondo, la Rinascente, l’esperienza non può che essere unica. Se poi ad arrivare in tavola è l’hamburger gourmet di Perfetto, il successo è garantito: dalla selezione di carne fresca macinata di altissima qualità, alla cottura con una temperatura ideale di 62°, fino alle salse, tutte homemade, risultato di una filiera che non si interrompe mai. E si avanza sempre e solo a ritmo di stagione, con gusti e ingredienti diversi a seconda della disponibilità. Imperdibile la limited edition senza pane, Greek Burger. Gli ingredienti? Carne di manzo, feta greca, cetriolo, cipolla rossa fresca, pomodorino fresco, olive nere, capperi e yogurt alla menta. Un trionfo di gusto e leggerezza.

Ham Holy Burger, Roma
Ham Holy Burger, Roma

Sono innanzitutto i numeri a parlare: Ham Holy Burger continua a inaugurare ovunque per riscuotere ogni volta grande successo. Fassona Piemontese e bun freschi sono i due must di ogni panino, anche da asporto. In più, la nota attenzione ai prodotti si declina in una prospettiva ‘geografica’, sempre raffinata, con un menu che va da “Polpetta Burger, passeggiata a Napoli”, a “Cotoletta Style, dedicato a Milano”, fino a “Carbonara Burger Termini”, un vero tributo alla città che lo accoglie: carne bovina della macelleria di Roberto Liberati, rosetta romana di Gabriele Bonci, uova strapazzate, pancetta croccante, scaglie di pecorino, rucola e maionese al pepe nero.

12 Morsi, Napoli
12 Morsi, Napoli

Nel pieno centro di Napoli si affaccia 12 Morsi, hamburgeria dai toni chic. 12 Morsi eleva l’essenzialità di un semplice panino, selezionando con cura contenitore e contenuto: bun o rosette unici e carni di prima qualità, fornite da Sabatino Cillo. Menù diviso tra grandi classici e new entry “limited edition”, raccontati con l’hashtag #NuoviMorsiGourmet: di recente introduzione El Papu con bun artigianale, hamburger Gran Gourmet Chianina Igp, formaggio Comtè, composta di fichi, uva e songino, dedicato all’attaccante argentino e alla sua danza diventata tormentone. La cura dei dettagli di 12 Morsi ha catturato persino l’attenzione dello chef due stelle Michelin Francesco Sposato, che gli ha dedicato ben tre panini ideati da lui.

Damini e Affini, Arzignano
Damini e Affini, Arzignano

Fratelli e ristoratori, i Damini sono gli unici macellai d’Europa su cui brilla la luce di una stella Michelin. Tra i tanti meriti, i due sono stati anche i precursori degli hamburger gourmet, quando prima ancora che questa parola esistesse già preparavano creazioni destinate a marcare la storia della gastronomia, come il celebre Dam Burger. Nato dalla profonda attenzione agli sprechi che li contraddistingue da sempre, questo panino è composto da varie parti di Limousine, quali collo, spalla, pancia e altri tagli anteriori meno importanti. Perché qui, per tradizione, non si butta via niente.

M**BUN, Torino
M**BUN, Torino

L’idea di un’agri-hamburgeria è di Francesco e Graziano, che prima a Rivoli e poi a Torino, decidono di aprire una catena slow fast food, solo con ingredienti del territorio, prodotti da loro. Nasce così un hamburger di razza bovina piemontese, servito con elementi genuini e biologici, in un sacchetto monouso e biodegradabile, insieme a posate e bicchieri riciclabili, nel rispetto più totale di terra, ambiente e filiera corta. C’è forse qualcosa di più gourmet?

Related Stories